Chi siamo

Presentazione

La SIEF (Società Italiana di Educazione Fisica) è sorta nel 1995 ad opera di alcuni insegnanti ISEF (Istituto Superiore di Educazione Fisica) che, sotto la guida e l’insegnamento di Marco Pecchioli, Medico ortopedico, Docente di Ginnastica Correttiva e attualmente Direttore dell’Istituto Duchenne – Scuola Nazionale di Educazione Fisica di Firenze, hanno voluto con questo atto affermare l’importanza ed il valore dell’EDUCAZIONE FISICA e della GINNASTICA CLASSICA, adeguatamente aggiornate nei loro aspetti teorici, scientifici e metodologici (tecniche I.D.).

La SIEF si caratterizza per il fatto di essere l’associazione scientifica della materia.

Come tale, essa si è preoccupata anzitutto di dare una definizione chiara a ciascun termine. ad iniziare dalla necessaria distinzione, inserita nel Nuovo Statuto della Società approvato il 10 dicembre 2006, tra i due termini “Educazione Fisica” e “Ginnastica”.

Tale chiarezza si è resa necessaria poiché oggi, grazie anche alla confusione terminologica regnante nel settore (Definizioni e terminologia) siamo di fronte all’assenza pressoché assoluta, ad iniziare dalle scuole, della pratica della Ginnastica classica, e ciò causa gravi danni nella popolazione intera.
Anzitutto, ciò determina, e la cosa è sotto gli occhi di tutti, una brusca diminuzione, evidente già nei bambini, delle capacità motorie più semplici e banali (come saltare la funicella, fare una capriola, arrampicarsi e derampicare…), ed a ciò si crede di porre rimedio promuovendo lo sport, invece della Ginnastica, che è l’unico strumento veramente capace e predisposto per “insegnare a muoversi”.
Inoltre, la mancanza di vere palestre di “educazione fisica”, dove poter svolgere non solo la Ginnastica di Mantenimento, ma anche la Ginnastica Correttiva e la Ginnastica Medica, rende più diffuse e rilevanti, tra la popolazione, le problematiche di rilevanza ortopedica (scoliosi, dorso curvo, piede piatto, mal di schiena…), le quali vengono curate con farmaci o addirittura con la chirurgia, senza avere fatto nulla per contrastarne l’insorgere, o perlomeno l’aggravamento.

Tutto ciò rende quindi sempre più urgente da parte degli enti pubblici, dei politici, del mondo della scuola e soprattutto da parte dei professionisti del settore, la presa di coscienza riguardo ai seguenti punti:

  • Occorre una chiara distinzione tra educazione fisica e sport, ciascuno con compiti, ambiti e finalità diverse (v. Definizioni)
  • Occorre rendersi conto dell’importanza della Ginnastica Classica (ristudiata alla luce delle moderne acquisizioni scientifiche, quindi oggi: “secondo le tecniche I.D.”) per poter “insegnare a muoversi” a tutti, fin da bambini. Ciò è possibile grazie ai grandi attrezzi della ginnastica, che consentono di riprodurre, in ambiente sicuro e protetto, quell’ambiente naturale che oggi non c’è più. Questi attrezzi oggi vengono levati dalle palestre scolastiche, perché danno noia, perché ritenuti pericolosi o anche perché gli insegnanti stessi non li vogliono o non li sanno utilizzare.
  • Occorre diffondere “in ogni angolo di strada” palestre piccole e grandi di Ginnastica, dove possano essere praticate la Ginnastica di Mantenimento per Adulti, per Anziani, la Ginnastica Correttiva e la Ginnastica Medica. Queste ultime si effettuano in palestra, con insegnanti in tuta, e non in ambienti sanitari, perché la vera Ginnastica (v. Definizione) ha per obiettivo la buona salute, ma resta sempre e comunque “ginnastica”, e non appartiene all’ambito sanitario.
    La diffusione di queste palestre non deve essere ostacolata, cosa che invece sta avvenendo con le attuali Leggi Regionali nel settore.
  • Occorre provvedere alla formazione di Maestri di Ginnastica, dato che negli attuali Corsi di Laurea in Scienze Motorie non viene affrontato lo studio  della ginnastica classica. Attualmente l’unica Scuola che prepara a questo tipo di insegnamento è L’ISTITUTO DUCHENNE di Firenze, Scuola Nazionale di Educazione Fisica riconosciuta dalla SIEF.
    Presso l’Istituto vengono studiate, sperimentate e verificate le “tecniche I.D.”, che consistono nell’elaborazione di metodologie didattiche rispettose delle esigenze peculiari del corpo umano e nella selezione di esercizi dimostratisi efficaci nella risoluzione di singole problematiche, come ad esempio il Piede Piatto Lasso Infantile o la Scoliosi.

L’associazione non ha alcun scopo commerciale o di lucro.

La sede legale dell’Associazione è presso la sede dell’Istituto Duchenne– Scuola Nazionale di Educazione Fisica, attualmente ubicata in Firenze, Via Arcangelo Corelli, n. 27.

La sua attività si evidenzia in modo particolare, oltre che nella sua rivista “I.D. Educazione Fisica”, nei suoi Congressi Nazionali, nei quali vengono affrontati ogni anno argomenti di rilievo per la materia.

COVID19 FASE 2 -Lettera SIEF del 27 aprile 2020